(+39) 081 199 10 089 | 340 4260317

Il Blog di Abcom

 

 

 

 

 

L' "affair" Cambridge Analytica - Facebook L' "affair" Cambridge Analytica - Facebook

Allarme Facebook! Il social network dichiara la vulnerabilità dei dati dei suoi utenti.

  • Venerdì, 06 Aprile 2018 09:34
  • Scritto da 

Come rivelato anche dal noto media americano Bloomberg, Facebook ha affermato che i dati sulla maggior parte dei suoi 2 miliardi di utenti potrebbero essere stati consultati in modo improprio, fornendo nuove prove del modo in cui il gigante dei social media non è riuscito a proteggere la privacy delle persone generando miliardi di dollari di entrate dalle informazioni diffuse in questo modo.

La società ha detto di aver rimosso una funzione che consentiva agli utenti di inserire numeri di telefono o indirizzi e-mail nello strumento di ricerca di Facebook per trovare altre persone. Questo strumento è stato usato in maniera spregiudicata da aziende malintenzionate per ottenere informazioni sui profili pubblici.

"Vista la portata e la raffinatezza delle attività che abbiamo potuto verificare, riteniamo che la maggior parte delle persone su Facebook avrebbe potuto avere il proprio profilo pubblico rovistato attraverso questo strumento", ha detto la società. "Quindi ora abbiamo disabilitato questa funzione."

Facebook ha anche affermato che i dati su ben 87 milioni di persone, la maggior parte negli Stati Uniti, potrebbero essere stati scambiati impropriamente con la società di ricerca Cambridge Analytica.
Questa è la prima conferma ufficiale di Facebook dell'eventuale portata della diffusione di dati, che in precedenza era stimata in circa 50 milioni. Ciò ha avuto come risultato l’intervento di legislatori e politici per una maggiore regolamentazione dei social media, contribuendo così alla perdita di miliardi di dollari dal valore di mercato dell'azienda.

"Non siamo stati in grado di comprendere la nostra reale responsabilità sulla tutela di queste importanti informazioni riservate, e questo è stato un errore enorme. È stato un mio errore ", ha dichiarato l' amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg in una conference call con i giornalisti. "Stiamo allargando la visione della nostra responsabilità".

Zuckerberg è stato convocato per comparire a un'audizione congiunta del "Comitato giudiziario e del commercio" del Senato il 10 aprile per discutere del ruolo di Facebook nella società e della privacy degli utenti. Il governo australiano ha poi dichiarato di aver avviato un'indagine formale in merito al fatto che Facebook abbia violato le leggi sulla privacy in Australia.

Zuckerberg ha poi difeso il modello di business pubblicitario dell'azienda, ha confermato di voler rimanere in carica e non ha rivelato alcun "impatto significativo" da parte della campagna da parte di alcuni utenti ed aziende per eliminare i loro account e pagine Facebook.
Le azioni di Facebook in questo frangente sono aumentate di quasi il 3% nel trading esteso, dopo aver chiuso a 155,10 dollari a New York.

Circa 270.000 persone hanno scaricato un'app per il quiz sulla personalità e condiviso informazioni su se stessi e i loro amici con lo sviluppatore, che ha poi trasmesso queste informazioni a Cambridge Analytica, in una mossa che secondo Facebook era contraria alle sue regole. Facebook ha raggiunto la cifra di 87 milioni aggiungendo a tutti gli utenti unici, circa 270.000, i loro amici quando hanno dato il consenso all'app. Facebook ha fatto questa nuova rivelazione in un post online mercoledì.

La Cambridge Analytica, che ha lavorato per la campagna presidenziale di Donald Trump nel 2016, ha dichiarato di aver autorizzato i dati su 30 milioni di persone, contestando quindi la stima di 87 milioni di Facebook.
Cambridge Analytica ha dichiarato in un tweet che "ha cancellato immediatamente i dati grezzi dal proprio file server e ha iniziato il processo di ricerca e rimozione di qualsiasi derivato nel proprio sistema" dopo che Facebook li ha contattati per informarli che i dati erano stati ottenuti in modo improprio.

Facebook ha dichiarato che dirà alle persone, in un avviso in cima alle notizie, a partire dal 9 aprile, se i propri dati personali potrebbero essere stati scambiati impropriamente con Cambridge Analytica, ma non ha ancora confermato se l'azienda è attualmente in possesso di questi dati.
La rivelazione, e le successive domande dei media, suggeriscono gli argomenti che Zuckerberg probabilmente affronterà quando testimonierà prima del Congresso la prossima settimana: quanti altri dati maneggiati da Cambridge Analytica sono ancora liberamente e impropriamente in circolazione?
Zuckerberg, nella “call" di mercoledì, ha detto che non poteva esserne sicuro. "Non saremo in grado di trovare ogni singolo uso improprio dei dati, ma quello che possiamo fare è rendere molto più difficile per la gente fare ciò che sta facendo adesso", ha detto. "Penso che saremo in grado di scoprire una grande quantità di attività impropria attualmente in essere."

Facebook è stato coinvolto in controversie per settimane sulla rivelazione che i dati sono stati condivisi e quindi non cancellati. Sono state sollevate molte domande sulle informazioni che Facebook preleva dagli utenti e mette poi a disposizione di terze parti senza avere il polso e il controllo di ciò che accade dopo.

Zuckerberg ha difeso la raccolta dei dati degli utenti per un modello di business che consente agli inserzionisti di utilizzare gli strumenti di targeting e le informazioni di Facebook per raggiungere specifici segmenti di pubblico. "Le persone ci dicono che se vedono gli annunci vogliono che gli annunci siano buoni," ha detto, sottolineando che è necessario tenere traccia di ciò a cui le persone sono interessate.

Ad ogni modo pensa di dover rimanere al timone di Facebook. “Credo che la vita sia imparare dagli errori e capire cosa è necessario fare per andare avanti", ha detto dichiarato la mente del più importante social network al mondo.

Continueremo a seguire da vicino questa vicenda per voi.


Fonte: Bloomberg