Ab Com Media Company è un’ agenzia web di Napoli che realizza siti internet per aziende e professionisti. Dal sito internet vetrina al CMS, content management system, ai sistemi e-commerce per la vendita on line sappiamo sempre proporre la soluzione migliore. Ci occupiamo inoltre di promozione e web marketing, content e social media marketing, immagine aziendale coordinata e servizi fotografici.

Via Michele Kebaker 14, cap 80129, Vomero [Napoli]
39 - 081 199 10 089
info@ab-com.it

aprile 2018

  /    /  aprile

C’erano una volta le applicazioni per la ricerca di eventi e manifestazioni! E, a quanto pare, ci sono ancora e sono in ottima salute. Anzi, ora si aggiunge anche quella di Facebook che va ad affiancare le varie e più note Foursquare, Yelp, gli stessi Facebook Events, ecc. Si chiama Facebook Local ed arriva fresca fresca dagli Stati Uniti d’America dove, come spesso capita, ha completato il suo periodo di testing. Integrerà

Google ha rivelato che sta pianificando il lancio di un nuovo design per Gmail nelle prossime settimane. Il design aggiornato verrà visualizzato dagli utenti Gmail sul Web, avvicinandolo alle modifiche già effettuate sui dispositivi mobili. Il portale di news on line "The Verge" ha ottenuto in anteprima alcune schermate del nuovo design di Gmail che include alcuni elementi del Material Design di Google e una serie di nuove funzionalità introdotte originariamente

Come riportato dal portale web "Un Poco di Tutto", qualche giorno fa LinkedIn ha iniziato di nuovo a supportare gli hashtag cliccabili. Dopo averli disabilitati per diversi anni a causa della mancanza di utilizzo, decisione per altro discutibile, è arrivato il dietro front del social network dedicato ai profili e alle attività professionali. Ora sembra che LinkedIn voglia spingere l'uso degli hashtag come opzione di categorizzazione dei contenuti pubblicati sulla piattaforma, con

Come rivelato anche dal noto media americano Bloomberg, Facebook ha affermato che i dati sulla maggior parte dei suoi 2 miliardi di utenti potrebbero essere stati consultati in modo improprio, fornendo nuove prove del modo in cui il gigante dei social media non è riuscito a proteggere la privacy delle persone generando miliardi di dollari di entrate dalle informazioni diffuse in questo modo. La società ha detto di aver rimosso una